Ecco come doveva essere Surface Mini!

di Nikolas Pitzolu 0

Non tutti sanno che al fianco di Surface Pro da 12 pollici doveva esserci un esemplare più piccolo chiamato Surface Mini… Ma la storia è andata diversamente!

Vi raccontiamo una storia misteriosa localizzata temporalmente nel 2014 che riguarda Microsoft!

Surface Pro ha avuto un fratello minore non ufficiale che si chiamava Surface Mini. Non è ufficiale in quanto non è mai stato presentato e oggi vi mostriamo le foto che dimostrano che tutto ciò era nei piani di Microsoft, con tanto di immagini per la stampa e anche la scheda tecnica.

Le vicende narrano che pochi giorni prima della presentazione (fissata nel Q3 2014) il progetto venne troncato di netto e mai più un terminale della gamma Mini fu commercializzato e sviluppato.

Il Surface Mini era stato ideato per competere con iPad, Kindle Fire e i Tablet basati su Android compresi i Tab Pure Google come il Nexus 7.

Le indiscrezioni durante il corso di questi ultimi mesi non sono mancate e oggi Evan Blass ci mostra come Microsoft aveva pensato di costruire il suo modello Surface Mini.

Ma non solo estetica con le foto render del prodotto, anche una scheda che riepiloga le caratteristiche tecniche:

  • Display da 7,5 pollici in risoluzione 1440 X 1080 pixel a tecnologia IPS LCD;
  • SoC Qualcomm Snapdragon 800;
  • Versione da 32 GB di memoria integrata con 1 GB di RAM e l’altra da 64 GB di memoria integrata con 2 GB di RAM;
  • Fotocamere singola da 5 MPX al posteriore con autofocus;
  • Fotocamera singola da 2.1 MPX all’anteriore;
  • Sistema Operativo Microsoft Windows RT 8.1;
  • Microsoft Office 2013 pre installato;
  • Connettività WiFi a/b/g/n e Bluetooth 4.0;
  • Ingresso Micro USB e Micro SD;
  • In dotazione anche la S Pen, cui funzionava su Surface tramite digitalizzatore.

Nel periodo in questione (2014) la gamma di smartphone Lumia era in auge e vantava molte colorazioni: Surface Mini lo seguiva con altrettante sgargianti.

Ci meravigliamo che un prodotto del genere non avesse in dotazione un slot per la SIM in modo tale da effettuare una connessione LTE/4G, visto che i suoi concorrenti più agguerriti lo possedevano per avere un senso sopratutto in mobilità.

Con il senno di poi, è facile intuire come non ci fu decisione più azzeccata: ritirare il prodotto dev’essere stato un lampo di genio dell’ultimo momento, perché – ci dispiace ammetterlo – ma per il mercato Consumer Windows 8.1 RT non avrebbe fatto breccia nel cuore degli utenti. Nel 2014 poi, la quota di mercato detenuta da iPad, era altissima e non ci sarebbe stata proprio storia!

Comunque sia, consoliamoci con foto e scheda tecnica. Microsoft, dacci retta: continua con Surface Pro che vai alla grande!

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.