Windows 10: con Timeline e Sets ecco il nuovo Multitasking!

di Nikolas Pitzolu 1

Il prossimo aggiornamento di Windows 10 porterà con se due macro novità davvero interessanti che andranno a colpire il modo di fare e avere il multitasking!

Oggi il vicepresidente del ramo Windows and Devices Group ha elencato alcune delle novità che andranno a comporre la prossima immediata Beta di Windows 10, precisamente quella che arriverà e comporrà la versione definitiva dell’aggiornamento a maggio 2018.

Ovviamente sono delle funzioni relegate al circuito degli Insider e, dopo averle date in pasto a loro per i dovuti test e rispettivi feedback, potrebbero anche cambiare i loro connotati evolvendosi in più ricche funzioni.

Iniziamo con il parlare e spiegarvi la prima: Timeline.

Timeline è una vera e propria macchina del tempo che fa proseguire la sua linea temporale su più fronti, diciamo anche su più App.

Sarà visibile solo se richiamata e ci mostrerà in tempo reale cosa abbiamo lasciato in sospeso nel nostro immediato passato e cosa abbiamo fatto con una determinata App a ritroso, fin da quando l’abbiamo avviata.

Una vera e propria cronologia delle operazioni che facciamo e abbiamo fatto durante il corso della/e giornata/e con tanto di barra verticale temporale e immagini di quella che è stata la nostra ultima azione.

Questa sorta di multitasking avanzato ci permette di dividere in sezioni le varie parti del sistema operativo e poter riprendere il lavoro, la nostra azione o la nostra interazione da dove l’avevamo lasciata.

Sets invece sarà in grado di espandere il concetto di scheda alle Applicazioni: proprio quel concetto di scheda che noi associamo al nostro browser preferito!

Si potrà quindi aprire più istanze della stessa App e affiancarne le rispettiva azioni, l’una di fianco all’altra.

Un’altra potenziale killer feature di questa macro funzione è la possibilità di poter continuare il lavoro – o un’azione che stavamo svolgendo sul nostro smartphone mentre eravamo fuori casa – successivamente sul nostro PC, magari anche coadiuvato dal fatto di avere un dispositivo Windows 10 – notebook, ibrido o qualsivoglia, dotato di pannello Touch.

Per ora le controindicazioni di Sets recitano che il suo uso è circoscritto alle Universal App ma sarà espandibile in futuro anche a degli applicativi che si utilizzano spesso tra smartphone iOS e Android: mi viene da pensare al pacchetto Office.

Un esempio standard potrebbe essere: iniziamo ad editare un documento dallo smartphone, possiamo riprendere a farlo da casa con mouse e tastiera o viceversa.

E tutto ciò chiaramente senza preoccuparsi di copiare il file dal dispositivo dove abbiamo iniziato e trasferirlo sul dispositivo dove vogliamo continuare, tutta sarà accessibile e sincronizzato lato cloud.

Ora i più attenti si saranno accorti di una certa similitudine con le due funzioni. E’ vero ma entrambi sono complementari e non è il caso di sovrascriverle.

Se Timeline tiene traccia di cosa stavamo facendo su quella determinata applicazione in quel determinato momento, Sets tiene traccia di cosa stavamo facendo tra le schede di quelle determinata App: quindi quest’ultima è la funzione dentro all’altra funzione.

Il dirigente afferma anche che il software terrà traccia di queste funzioni durante il test dei membri Insider, in modo tale da capire che cosa utilizzano di più, come lo utilizzano e se sono incentivati a poter avere una cronologia delle proprie operazioni.

Inoltre, come la maggior parte delle funzioni, Sets sarà tranquillamente disattivabile qualora non se ne avesse il bisogno o lo si reputasse “di troppo”, ma l’intento di Microsoft è renderlo di gradimento alla maggior parte degli utilizzatori possibili.

Aspettiamoci delle novità nella Major update di primavera, sperando che non ci siano dei ritardi.

I ritardi infatti ci furono proprio in concomitanza del lancio della sola Timeline, che già doveva essere presente nel Fall Creators Update.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
  • CIKAPPA2904

    Queste sì che sono funzioni interessanti!