Surface Andromeda: nuove info sul dispositivo mobile pieghevole!

di Nikolas Pitzolu 0

Eppur si muove: Microsoft in gran segreto sta assemblando, parte dopo parte, un nuovo dispositivo che si chiamerà Surface Andromeda.

Microsoft da qualche anno a questa parte sta lavorando in gran segreto al progetto Andromeda.

Non è ben chiaro ancora dove l’azienda voglia andare a collocare questo nuovo concetto di dispositivo, anche perché non è chiaro se avrà le sembianze di uno smartphone, di un tablet, di un notebook Ibrido, etc.

Si sa però che la lunga pausa che il CEO Satya Nadella ha annunciato alla “fine” di Windows 10 Mobile, si sta trasformando in una raccolta di informazioni e test interni di questo nuovo terminale basato su Andromeda che potrebbe essere proprio quello che prenderà e porterà avanti le redini del progetto, aggiungendoci i buoni propositi dell’altro progetto Surface Phone.

Microsoft lavora ad Andromeda OS: porterà Windows 10 Desktop su Smartphone!

Il brevetto che vi mostriamo oggi, è relativo ad un anno e mezzo fa e si concentra sulla proprietà intellettuale che l’azienda ha registrato per far si di utilizzare un nuovo modo di intendere un “dispositivo pieghevole” e il modo in cui le fotocamere verrebbero implementate in questo – per ora – concept.

Le recenti soluzioni hanno dimostrato che è possibile integrare ottime fotocamera sugli smartphone, fermo restando che la tecnologia applicata può trovarsi in difficoltà quando si decide di ottimizzare gli spazi relativi allo spessore nella sua interezza.

Ma se un dispositivo pieghevole da aperto misura 7 mm – ad esempio – da chiuso ne misurerà 14! Quindi, partendo da questo presupposto, Microsoft ha potenzialmente lo spazio di inserire un’ottica performante a livello di una reflex nello spessore che ha a disposizione per lavorarci su. Come? Cerchiamo di spiegarvelo:

Parte del contenuto della fotocamera nel primo layer e parte di altro contenuto nel secondo (in questo stato inusabile), il tutto si allinea poi quando è chiuso e si richiamerà l’App fotocamera per effettuare uno scatto (in questo caso la fotocamera funzionerà).

Tutto ciò però si scontra sulla questione comodità perché, diciamocela tutta, più un dispositivo è comodo da utilizzare più è apprezzato. Troppi meccanismi da effettuare o da “preparare” per fare una foto, francamente, non fanno per l’utenza media.

Quindi Microsoft o fa le cose come si deve sin dall’inizio o si potrebbe trovare in altre spiacevoli situazioni, e ne ha già passato abbastanza: chiaramente per sua stessa colpa e non per altri.

Microsoft: entro il primo semestre 2018 un dispositivo Windows pieghevole!

Infine si ipotizza che, se il progetto Surface Phone si farà, l’azienda di Redmond lo posizionerà nel settore Premium, correlata a tutta la tecnologia che sarà disponibile al momento. E forse è la soluzione più giusta.

Non ha alcun senso oggi combattere con iOS e Android, tanto vale posizionare i prodotti come per la gamma di laptop Surface: alta qualità, supporto diretto da Microsoft e di conseguenza prezzo elevato.

Teniamo comunque monitorata la questione, i fan Microsoft o i curiosi di questo progetto esistono e vanno informati.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.