Conversazioni private Skype: arriva la crittografia end-to-end!

di Nikolas Pitzolu 0

Skype manca all’appello dei software con la possibilità di avere delle conversazioni criptate: ecco che nel circuito Insider si sta testando la crittografia end-to-end!

Ci sono due canali per quanto riguarda le versioni e l’utilizzo del programma Skype: la prima classica con le versione del software ufficiale utilizzate da tutti e la seconda dedicata al circuito Insider.

Quest’ultimo viene utilizzato dai beta tester (ma anche dai più curiosi) per provare e sopratutto testare nuove funzioni che versione dopo versione vengono aggiunte al software di messaggistica instantanea.

Proprio nella ultima build del circuito Insider, una nota ci informa che è presente e attiva la crittografia end-to-end e che questa è stata sviluppata e ottimizzata per il sevizio di instant messaging da Open Whisper System e che il progetto è assolutamente Open Source.

La funzionalità non segue la piattaforma sulla quale si esegue Skype (Windows, macOS, iOS, Android. etc) ma bensì il layer filtro si applica a prescindere da quest’ultimi: ergo, sono i server che impongono questa procedura e non i programmi che lo hanno integrato nel loro codice in locale.

La versione sulla quale si è attivata è la 8.13.76.8 (sempre Insider) e l’intera conversazione multimediale è protetta: quindi audio, video, foto, testo, video-chiamate, audio-chiamate, etc sono tutte illeggibile a chi non possiede la chiave di criptazione.

In questa versione, per ora, è possibile scegliere se criptare le conversazioni oppure no ma immaginiamo che nella versione stabile sarà attiva senza possibilità di scelta.

Infine, le conversazioni di gruppo come videochiamate e audiochiamate a più componenti, non sono per ora crittografate ma Microsoft lo introdurrà in un altro aggiornamento e, nel mentre, migliorerà la domanda/risposta lato Server.

L’azienda di Redmond non ha riferito in che versione stabile introdurrà la possibilità della crittografia end-to-end ma pare chiaro che arriverà a breve, ma non pensiamo con la prossima immediata versione stabile.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.