La patch di Windows 10 per Spectre disabilita il fix di Intel

di Matteo D'Alessio 0

Intel recentemente ha ammesso che la sua patch per “Spectre” (se non sapete cos’è ne abbiamo parlato qui) è essenzialmente peggiore del bug che avrebbe dovuto cercare di risolvere: la patch causa il riavvio spontaneo dei computer nei quali è installata.

Alla luce di ciò, Microsoft ha preso provvedimenti emettendo una patch out-of-band per Windows 7, 8.1 e 10 che disabilita questa patch per Spectre. Se anche voi avete notato dei riavvii spontanei potete scaricare l’aggiornamento manualmente, poiché non verrà installato automaticamente come Windows ci ha abituati.

Microsoft ha inoltre dichiarato che da alcuni test interni è emerso che la patch interromperà i riavvii fin quando Intel non avrà pronto un nuovo aggiornamento; Intel stessa aveva già raccomandato la clientela di interrompere la distribuzione della patch originale (quella che causa i riavvii spontanei), ma ciò è ovviamente impossibile per i singoli utenti Windows, in quanto i fix vengono forniti in bundle negli aggiornamenti di sicurezza di Microsoft.

Non è sicuramente un periodo d’oro per Intel, ma comunque la multinazionale statunitense è stata fortunata in quanto dall’ultimo rapporto sui guadagni è emerso che l’impatto finanziario a causa di Spectre e Meltdown è stato minimo. D’altro canto è stata  duramente criticata dagli esperti di sicurezza per la mancanza schiettezza sulla reale portata del problema dovuta ai due bug. In un primo momento, avevano affermato che il problema dei riavvii interessava solo le CPU più datate, ma in seguito ha ammesso che colpisce anche i computer più recenti senza motivo.

Altra nota dolente, è stata anche accusata di aver riferito i problemi di Meltdown e Spectre a clienti cinesi come Lenovo e Alibaba, prima ancora di parlarne con il governo degli Stati Uniti d’America.

Nel frattempo, Intel  ha promesso che molto presto rilascerà nuove patch per Spectre e Meltdown, promettendo anche dei chip invulnerabili ai due bug in arrivo entro la fine dell’anno.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.