Il prossimo update di Windows 10 si chiamerà Spring Creators Update

di Claudio Stoduto 0

Microsoft sta pianificando alcune novità per il suo Windows 10 che verranno racchiuse nel prossimo aggiornamento corposo, lo Spring Creators Update.

L’azienda di Redmond potrebbe quindi andare a riutilizzare l’appellattivo “Creator Update” per la terza volta da quando Windows 10 é stato ufficialmente lanciato sul mercato. Probabilmente, memori di alcune fortune, la scaramanzia in casa Microsoft non manca dopo i vari flop di Windows 8.1 per cui ogni cosa funzionante, inclusa la nomenclatura, viene difficilmente cambiata.

La notizia arriva, ancora una volta, grazie ad alcune informazioni che sono trapelate da una delle ultime beta disponibili di Windows 10. Ricordiamo infatti che da tempo Microsoft porta avanti due strade da questo punto di vista. Una stabile che la maggior parte degli utenti hanno installata ed una invece dedicata al canale beta delle novità che può portare anche delle novità in anticipo a discapito della stabilita del sistema.

Tra le varie novità che potremo vedere nel corso delle prossime settimane con questo aggiornamento ci sarà anche la nuova feature denominata Timeline. Essa é una grande bacheca che mette in primo piano tutte le attività recenti sui vari dispositivi. Risulta in ritardo al momento, visto il suo arrivo anniuciato per lo scorso Fall Creators Update, ma solo a brave potrebbe arrivare. Oltre a questa vedremo poi anche l’arrivo del supporto completo alla tecnologia HDR che permetterà, sui dispositivi dotati di pannelli simili, di poterla sfruttare ad esempio nei film o nelle applicazioni che la supporteranno. Infine non mancherà il tanto annunciato e chiacchierato Fluent Design con i relativi cambiamenti che apporterà.

Insomma un altro aggiornamento corposo che potrà donare nuova linfa al sistema operativo di Microsoft. L’azienda sta inanellando una serie di update positivi che rendono il software sempre più completo e funzionale. Gli utenti non si lamentano ed anzi sono sempre più contenti di ciò che a Redmond sviluppano.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.