Huawei MateBook X Pro: lo stato dell’arte dei notebook Windows – RECENSIONE

di Andrea Cervone 0

Huawei MateBook X Pro è senza dubbio uno dei prodotti tecnologici più interessanti degli ultimi mesi. Presentato al Mobile World Congress 2018 di Barcellona, questo ultrabook della casa cinese ha saputo unire un design particolarmente curato (anche se non originalissimo) con una serie di innovazioni profonde che lo rendono uno dei computer portatili moderni più completi e appaganti da utilizzare. Lo abbiamo potuto provare per qualche settimana e siamo finalmente pronti a parlarvene all’interno della nostra recensione completa.

Design

I passi in avanti fatti registrare da Huawei nel campo del design sono evidentissimi non solo nel mondo smartphone: Huawei MateBook X Pro è un assoluto capolavoro che sceglie linee  nette, moderne, spigolose quanto basta e che soprattutto non scende a compromessi. Il notebook misura solo 14.6 mm di spessore e ha un peso di 135 grammi, due caratteristiche che lo rendono comodissimo durante l’utilizzo in mobilità. A colpire è soprattutto lo schermo, con cornici ridottissime, ma anche il tasto di accensione con sensore di impronte integrato, la tastiera, il trackpad. Tutto appare studiato nei minimi dettagli, sia dal punto di vista estetico che da quello funzionale. Parlando del trackpad, in particolare, questo risulta particolarmente grande e permette un utilizzo veramente appagante delle gesture a due dita per scorrere le pagine o muoversi tra le varie funzionalità di Windows, ma purtroppo non risulta sempre precisissimo e spesso le gesture vengono confuse con il normale swipe per muovere il cursore. Per quanto riguarda la tastiera, invece, questa ha una corsa più generosa rispetto a quella di altri notebook ma restituisce un ottimo feeling durante la digitazione, aiutando l’utente a contenere al minimo gli errori.

Peccato soltanto per la retroilluminazione che resta attiva solo per pochi secondi e non “risorge” se interagiamo con il trackpad ma solo se andiamo a premere un tasto. Sulla destra e sulla sinistra dei tasti sono posizionati gli speaker stereo, mentre sul frame laterale troviamo il connettore jack e una doppia USB-C (una utile anche per la ricarica, l’altra compatibile con lo standard Thunderbolt) sulla sinistra e una buona, cara porta USB-A sulla destra. Una vera manna dal cielo dato che il mercato stenta ancora ad adottare in modo definitivo la USB-C. In un design così compatto Huawei non ha comunque rinunciato alle ventole di raffreddamento, utilissime per far scendere le temperature della macchina durante e a seguito di un utilizzo intenso dell’hardware.

Schermo

Lo schermo è sicuramente una delle principali attrazioni di Huawei MateBook X Pro. Troviamo infatti a disposizione uno splendido display LTPS da 13.9 pollici che viene regolarmente implementato all’interno del telaio di un comune 13 pollici. La differenza non è così banale come potrebbe sembrare e soprattutto il colpo d’occhio dato dalle cornici ridottissime è davvero stupendo. Decisamente robusta anche la cerniera che permette un’apertura senza difficoltà e che si dimostra piuttosto robusta durante l’utilizzo del portatile. In tutto ciò questo schermo ha una risoluzione davvero elevata (3.000 x 2.000 pixel con rapporto di forma 3:2) una copertura della gamma colore del 96,8% ed include un touchscreen che ci permette di utilizzarre Windows anche senza ricorrere al trackpad ma semplicemente con le nostre dita. Va inoltre segnalato che il tutto viene ricoperto da un Gorilla Glass che permette di dormire sonni (relativamente) tranquilli in caso di cadute o urti.

La risposta del touch è piuttosto buona e anche Windows 10 sembra rispondere piuttosto bene ai comandi impartiti tramite le dita, anche se l’esperienza d’uso che tenderete a preferire sarà, nella maggior parte dei casi, quella tradizionale basata sul trackpad. Durante l’utilizzo lo schermo di Huawei Matebook X Pro si dimostra sempre eccellente e può essere letto senza problemi anche sotto la luce diretta del sole. A seguito dei recenti aggiornamenti rilasciati dall’azienda cinese è stato inoltre corretto un fastidioso bug che colpiva il sensore di luminosità che finiva per abbassare sempre un po’ più del previsto la luminosità del pannello. Buono anche il trattamento anti-riflesso e la resistenza alle impronte digitali che inevitabilmente si formeranno, però, nel momento in cui utilizzerete il touch screen come principale modalità di interazione con il computer.

Hardware

Il processore montato sul Huawei MateBook X Pro da me testato è un Intel Core i7 8550U, accompagnato da ben 16 GB di memoria RAM DDR3. Questa versione non arriva però ufficialmente in Italia: nel nostro mercato viene infatti commercializzata unicamente la versione con processore i5 e con 8 GB di RAM a disposizione. Non dovrebbe poi cambiar molto nel pratico, ma comunque una differenza la si potrebbe notare durante l’utilizzo di più applicativi in contemporanea. A livello tecnico le prestazioni garantite da questo processore sono al vertice della categoria: non ha neanche senso parlare di un utilizzo basico, fatto di social e qualche email, quindi vi parlerò direttamente del mio benchmark di riferimento: il montaggio di un video da 10 minuti in risoluzione 4K.

Per la mia prova mi sono affidato sia al software Sony Vegas che ad Adobe Premiere e in entrambi i casi il montaggio video è avvenuto senza intoppi e indecisioni. Il rendering è stato sempre puntuale e rapido, così come anche l’esportazione finale del filmato generato. Ciò è sicuramente merito, in ottima percentuale, della GPU dedicata che troviamo a disposizione su Huawei MateBook X Pro. Abbiamo solo notato un certo riscaldamento nella parte inferiore esterna della macchina dovuto all’utilizzo intenso della CPU e che purtroppo non viene del tutto compensato dal sistema di raffreddamento, ma parliamo veramente di dettagli. Huawei Matebook X Pro riuscirà sempre a farsi trovare pronto in ogni situazione. Per quanto riguarda la memoria sulla mia unità ho trovato ad attendermi ben 512 GB di SSD, purtroppo partizionati in due unità, una di sistema e l’altra a disposizione dell’utente. Positivo anche il sensore di impronte del notebook che permette contestualmente di accendere e sbloccare Huawei MateBook X Pro con una semplice pressione. Una mancanza possiamo trovarla a Huawei MateBook X Pro però ed è il lettore di schede SD, a mio giudizio davvero indispensabile su una macchina pensata per l’utilizzo professionale.

Audio

Un grosso miglioramento rispetto ai precedenti computer di Huawei lo ritroviamo nell’ambito audio. Su Huawei MateBook X Pro troviamo infatti due speaker posti ai lati della tastiera. Ma non finisce qui: in realtà, infatti, questo notebook può contare anche sulla presenza di ulteriori due feritoie poste ai lati nella parte inferiore che fungono da woofer e tweeter. La qualità è ok, a sorprendere è la potenza di questo modulo audio che risulta ingegnerizzato in modo davvero interessante.

Connettività

Huawei non ha rinunciato a nulla su Huawei MateBook X Pro che si conferma un prodotto eccellente anche dal punto di vista della connettività, proprio come era lecito aspettarsi da un simile colosso delle telecomunicazioni. La rinuncia è ancora una volta sul Bluetooth (fermo alla versione 4.1 in attesa della 5.0) ma per il resto abbiamo a disposizione un WiFi dual-band che garantisce ottime velocità di download e upload.

Fotocamera (?)

Non si vede… e non c’è! Ne siete sicuri? In realtà se guardate bene sulla tastiera di Huawei MateBook X Pro c’è un tasto del tutto inconsueto e con l’icona di una fotocamera: basterà premerlo ed ecco che verrà rivelata la fotocamera del notebook. La soluzione è geniale, non solo dal punto di vista costruttivo, ma anche “filosofico”: oggettivamente, salvo casi particolari, la videocamera su un computer è scarsamente utilizzata e fondamentalmente ci si riduce ad attivarla per qualche chiamata video qui e la.

Molto spesso non serve, anzi, lo spauracchio “dell’hacker che entra nel PC e usa la nostra webcam per spiarci” è sempre dietro l’angolo (soprattutto dopo le ultime puntate di Black Mirror). Quindi la soluzione scelta da Huawei non solo permette di avere uno schermo senza interruzioni e con cornici ridotte, ma ci permette di stare più tranquilli senza dover temere delle invasioni della privacy non volute. La qualità finale degli scatti e degli streaming non sarà eccellente (il sensore è da 1 solo megapixel) ma per l’utilizzo medio di una web cam va più che bene.

Software

A bordo di Huawei MateBook X Pro troviamo una versione di Windows praticamente pulita. Bisogna dar merito a Huawei di aver desistito dal riempire il nuovo ultrabook di software inutili e molto spesso fastidiosi (i cosiddetti bloatware). Windows 10 viene infatti incluso in versione “Signature Edition” e gira davvero benissimo e senza alcun tipo di intoppo. Presente anche la comoda applicazione “PC Manager” che ci permette di verificare lo stato del software, dell’hardware e di controllare la presenza di eventuali aggiornamento per il computer.

Batteria

Su Huawei MateBook X Pro troviamo una batteria da 57.4 Wh che è in grado di alimentare il computer per un’intera giornata lavorativa standard. Chiaramente i consumi saranno particolarmente ridotti durante l’utilizzo più soft della macchina e tenderanno ad incrementarsi durante i lavori più complessi, come l’editing video in 4K. In questo secondo caso è comunque possibile chiudere anche 2-3 ore di rendering. In tutto ciò il computer è sempre rimasto quasi totalmente silenzioso ma, come detto, si sono presentati alcuni riscaldamenti della scocca durante l’utilizzo intenso. La ricarica completa del prodotto avviene, tramite l’alimentatore incluso in confezione, in appena due ore.

Prezzi e Conclusioni

I prezzi di listino di Huawei MateBook X Pro per il mercato italiano prevedono un modello entry con processore i5, 8 GB di RAM e 256 GB di SSD che viene venduto a 1499 euro, mentre il modello top con i5, 8 GB di RAM ed SSD da 512 GB viene venduto a 1699 euro. Cifre importanti ma al tempo stesso giustificate, almeno in parte, dalle profonde innovazioni portate da Huawei e dalla resa generale di questo computer che si è dimostrato affidabile e concreto lungo tutto l’arco della nostra prova.

Una macchina che non fa altro che confermare l’attenzione e la cura dei dettagli che Huawei ripone nei propri prodotti e che si rivelerà un prezioso investimento per gli appassionati e per gli utenti più esigenti. Se siete interessati, potete acquistare Huawei MateBook X Pro nelle varianti pensate per il nostro mercato da questa pagina.

8.1

Huawei MateBook X Pro è una macchina moderna, potente e affidabile, con alcune chicche come la fotocamera a comparsa e uno schermo davvero ottimo e che supporta l'utilizzo con le dita. Un computer completo che potrete sfruttare al meglio durante l'utilizzo professionale e che non vi deluderà.

Design
9.0
90%
Schermo
9.0
90%
Hardware
9.0
90%
Audio
8.0
80%
Connettività
8.0
80%
Fotocamera
6.0
60%
Batteria
8.0
80%
Qualità/Prezzo
7.5
75%

Pro

- Design raffinato
- Schermo bezeless e touchscreen
- Potenza sufficiente per ogni task
- GPU dedicata
- Batteria longeva
- Fotocamera a comparsa
- Prezzo interessante

Contro

- Manca il Bluetooth 5.0
- Trackpad non sempre preciso
- Scalda un pochino nell'uso intenso

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.