Ecco i nuovi Surface Pro 6, tanta autonomia e un peso contenuto

di Luca Ansevini 0

Si è da poco concluso l’evento Microsoft dedicato alla presentazione dei nuovi prodotti della gamma Surface. Ecco arrivare il nuovo atteso successore del Surface Pro presentato lo scorso anno, ovvero il Surface Pro 6.

Un nome quantomeno bizzarro se consideriamo che lo scorso anno Microsoft ha utilizzato semplicemente la dicitura Pro senza attribuire un numero identificativo alla generazione 2017. L’azienda di Redmond ha voluto porre l’accento non solo sulle dimensioni e sul peso prodotto ma anche sulle prestazioni dello stesso, che introduce un processore Intel Quad Core di ottava generazione.

Tale processore dovrebbe garantire, secondo quanto dichiarato, un notevole boost prestazionale pari ben al 67% rispetto alla precedente generazione; peccato solo per il poco felice confronto con la gamma MacBook Air di Apple, palesemente inferiore non solo per tecnologia e componentistica ma anche per ovvie questioni di anzianità visto che Apple non aggiorna più questa linea da ormai diversi anni.

Sotto il cofano Microsoft non ha deciso di lesinare nulla in questo Surface Pro 6, portando la RAM a disposizione fino ad un massimo di 16GB e lo spazio SSD fino ad un massimo di 1TB. Una potenza generale che però non perde di vista la gestione delle temperature, che secondo l’azienda sono state un nodo focale della progettazione del nuovo dispositivo. Grande attenzione ovviamente al contenimento del peso che non supera gli 800gr.

L’azienda ha confermato inoltre l’ottimo PixelSense da 12,3 pollici visto lo scorso anno, che però migliora notevolmente in termini di nitidezza e luminosità. Nessuna novità sul fronte delle connettività integrate che ancora vede mancare la presenza della porta USB-C, una scelta discutibile su un prodotto di fascia alta. L’azienda ha rilasciate purtroppo poche specifiche approfondite sul prodotto, tuttavia ha annunciato il prezzo del prodotto, che sarà disponibile dal 16 ottobre al prezzo di partenza di 899 dollari ed ovviamente con sistema operativo Windows 10.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.