Snapdragon 8cx ARM UFFICIALE: raggiunte le prestazioni di Intel Core i5

di Nikolas Pitzolu 0

Altro che ritardi e dubbi, Qualcomm presenta due soluzioni per portare Mobile e Laptop su un livello ancora più alto. Non solo Snapdragon 855 ma anche Snapdragon 8cx!

Il futuro è su Mobile? Molto probabilmente si! Ma attenzione perché da qualche anno a questa parte il concetto Mobile si sta allargando a più gamme di prodotti. Il primo pensiero va sicuramente allo smartphone ma anche i laptop possono essere considerati ormai veri e propri terminali con una filo conduttore legato all’elevata portabilità. Grazie a Qualcomm, questa definizione aumenta ancor di più la sua rilevanza.

L’evoluzione va verso una direzione ben precisa che fa caposaldo di prodotti potenti ma relativamente consoni ad una maggior durata della batteria. E questo connubio si sta sempre più concretizzando grazie all’evoluzione dei Chip ARM.

L’ultima evoluzione basata sull’architettura dell’azienda Inglese, è costituita dal Qualcomm Snapdragon 8cx, un potentissimo SoC che sarà installato all’interno dei laptop e muoverà senza alcun problema Windows 10 e affini. Di conseguenza anche schede logiche sempre più piccole per far spazio a batteria più grandi all’interno dei case, unito al fatto che il progresso in termini di nanometri di questi componenti – anno dopo anno – fa si che i consumi diminuiscano e la potenza aumenti.

I così sono detti i nuovi notebook always on – always connected, capaci di essere perennemente collegati ad internet e assicurare prestazioni che vanno benissimo per la maggior parte degli utilizzatori. Non solo Snapdragon 8cx però, a poter essere accoppiati con il SoC saranno anche tagli fino a 16 GB di RAM e una GPU (non possiamo chiamarla vera e propria scheda video in rispetto delle vere schede video) Adreno 680.

In particolare però, questa GPU offrirà prestazioni di tre volte e mezzo più alte di quella contenuta nello Snapdragon 835 e Qualcomm stessa afferma che le prestazione lato potenza grafica sono più alte del 60%. Compatibilità con le API DirectX 12 (Windows 10 ringrazia) e un raddoppio del bandwidth per aumentare la mole del flusso dei dati.

Snapdragon 8cx ARM

Parlando della potenza computazionale, le CPU Kryo 495 possiede due cluster formati da 4 cores ciascuno e la società Americana ha optato per dotare di più MB le cache L2 ed L3 per accelerare il processo di lettura delle istruzioni. Le frequenze potranno essere decise dall’OEM in fase di sviluppo.

Interessante poi la importante sfida che Qualcomm ha deciso di intraprendere confrontando la sua architettura Snapdragon 8cx con quella relativa alla controparte X86 Intel Core i5, questo ci fa capire quanto negli anni le due soluzioni stanno sempre più limando le loro differenze prestazionali.

I produttori poi, per completare la totalità delle caratteristiche, potranno decidere se integrare un modem 5G ma attualmente il SoC non lo prevede all’interno della sua architettura.

Esistono già laptop Windows on ARM basati su architettura Qualcomm Snapdragon 835 e Snapdragon 850, Asus e HP i primi che mi vengono in mente. Immaginiamo che le stesse aziende siano interessate a rinnovare il parco prodotti nel 2019 introducendo nuove versioni con il nuovo SoC, fermo restando che le proposte poco più su menzionate hanno già una sufficiente potenza per garantire all’utente medio di realizzare la maggior parte delle operazioni.

Infine, piccola menzione che siamo sicuri che negli anni a a venire si espanderà ancora di più: la questione aziende. Qualcomm ci ha pensato e ha ottimizzato l’esperienza anche con Windows 10 Enterprise. Quest’ultimo è davvero tanto capillare e l’esperienza di utilizzo deve essere veloce, reattiva e avere una transizione senza problemi dalla piattaforma più utilizzata al momento – X86 – e quella del futuro, la ARM.

Nel mentre attendiamo la commercializzazione di qualche prodotto, siamo sicuri che Intel si farà sentire e approfitterà del prossimo Mobile World Congress 2019 per proporre le sue innovazioni.

Fonte: androidpolice

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.