Windows 10 ora è installato su ben 800 milioni di dispositivi

di Claudio Stoduto 0

Da quando è stato introdotto ormai diversi anni fa, Windows 10 ha letteralmente cambiato il concetto di sistema operativo offerto da Microsoft fino a quel momento. Basta continui esperimenti per lasciare invece spazio ad un sistema che alla fine ha permesso agli utenti di raggiungere una certa stabilità così come alla stessa azienda americana una base da cui partire per lavorare al meglio di step in step.

Proprio quest’ultimo potrebbe essere stato il vero cavallo di battaglia di Windows 10 che praticamente non ha sbagliato un colpo da quando è stato lanciato sul mercato. Da quel momento in avanti a Redmond hanno inanellato una serie di azioni positive che hanno riportato il sistema operativo ai fasti di un tempo nonostante il grande spettro di macOS diventasse sempre più grande ed imponente.

Mattone su mattone si è costruito quello che oggi è un traguardo fantastico e che a conti fatti potrebbe anche essere tutt’altro che inaspettato se vogliamo. Microsoft ha comunicato ufficialmente che ha raggiunto gli 800 milioni di dispositivi su cui è stato installato il solo Windows 10. Numeri folli da capogiro se vogliamo e che fanno ancora più specie se prendiamo in considerazione l’elemento relativo al precedente traguardo tagliato meno di un anno fa. I 700 milioni, questo l’obiettivo in esame, era stato per l’appunto tagliati come traguardo nella primavera del 2018 il che significa aver raggiunto altri 100 milioni di prodotti in meno di un anno.

Grande impatto e grande merito lo ha avuto sicuramente il grande tasso di soddisfazione di questo sistema operativo. Venivamo da anni di vero e proprio buio in cui Microsoft aveva sbagliato più di una versione, sia la 8.0 che la 8.1, ed in cui in molti preferivano ancora avere Windows 7 piuttosto che i sistemi operativi successivi. Poi è arrivata la svolta con un cambio radicale che ha preso e completamente stravolto ogni sistema e metodo di pensiero conosciuto programmando solamente una serie di grandi aggiornamenti scaglionati nel corso di 12/18 mesi e non di più. Gli utenti quindi non si sono più trovati costretti nel doversi adattare a delle soluzioni diverse e potenzialmente in evoluzione ma su una base stabile in grado di garantire delle certezze, ciò che in tanti avevamo chiesto dopo il flop di Windows 8.

Va detto però che il vero obiettivo di Microsoft non è ancora stato raggiunto. Al momento del lancio di Windows 10 nel 2015 si era progettato un possibile raggiungimento del traguardo del miliardo di prodotti in circa 2-3 anni. A conti fatti ad oggi siamo ben fuori da questo risultato ed il motivo sembra essere dovuto solo ed esclusivamente all’altro grande flop (forse uno dei più grandi della storia) che è Windows 10 Mobile. Ci si aspettava molto da questo OS mobile così come su un suo potenziale sviluppo sia a livello software che a livello progettuale. Purtroppo è andata come andata e tutti sappiamo quali sono stati gli sbagli di Microsoft che ha poi cercato di correggerli in corsa senza riuscirci troppo facilmente purtroppo.

Insomma la strada per Windows 10 sembra più che mai in discesa, voi cosa ne pensate? Vedremo mai un Windows 11 nel corso dei prossimi anni nonostante le dichiarazioni della società?

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.