Solitario Windows nella Hall Of Fame: oltre 35 miliardi di partite giocate!

di Nikolas Pitzolu 0

Numeri impressionanti per un titolo che più di un gioco è un passatempo, Solitario Windows vince il premio Hall Of Fame per longevità e bacino di utenza!

Quando menzioniamo lo Strong National Museum of Play ci riferiamo a contenuti dall’incredibile rapporto diffusione-longevità che nel tempo hanno saputo attirare a se utenti in ogni angolo del mondo. Nel mentre, in questa prestigiosa raccolta, sono stati inseriti all’interno della World video game Hall of Fame, 4 nuovi titoli appartenenti alla categoria videogiochi che sono:

  • Mortal Kombat, videogioco di combattimento pubblicato nel 1992;
  • Super Mario Kart, videogioco della categoria piattaforma pubblicato nel 1992;
  • Colossal Cave Adventure, videogioco testuale pubblicato nel 1976;
  • Solitario Windows, passatempo grafico pubblicato nel 1990.

Per quanto riguarda il solitario, i giudici hanno deciso di includerlo tra i 20 videogiochi della Strong National Museum of Play per via della descrizione della categoria. Infatti, per entrare a far parte di questa lista, viene presa in considerazione lo stato dell’iconicità del titolo, la sua longevità nel tempo, quanti utenti giocano al titolo, dove lo giocano e quanto il titolo sia longevo anche nei pensieri degli utenti che lo hanno giocato.

Più nel dettaglio, assieme a Super Mario Kart, Colossal Cave Adventure e Mortal Kombat, il titolo ha raggiunto un numero incredibile di giocatori arrivando a metter piede in oltre 200 paesi al mondo e all’aver potuto avviare oltre 35 miliardi di partite.

Ovviamente è merito verosimilmente della elevata capillarità di Windows e dal fatto che il gioco è stato presente e preinstallato all’interno del sistema operativo dal 1990 fino ad oggi, con la differenza che con l’avvento del Microsoft Store è ora presente al suo interno.

Qualche tempo fa è stata presa in considerazione anche una nuova edizione che rinnovasse la grafica portandola ai giorni nostri ma Microsoft ha deciso di mantenere intatto questo grande classico e magari crearne uno nuovo parallelo.

Fonte: Rockpapershotgun

 

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.