Surface DUO: dettagli per display, software e accessori

di Nikolas Pitzolu 0

Surface DUO

Microsoft Surface DUO è stato presentato ma l’azienda non ha rilasciato troppe info, oggi tramite un’intervista sappiamo qualcosa in più, data di uscita inclusa.

Nessuno se l’aspettava, pareva che Microsoft avesse appeso lo smartphone al chiodo. E invece, durante il keynote di presentazione Surface, ecco che uno degli ultimi annunci è stato proprio il Surface DUO.

Non proprio un Surface Phone come ce lo si aspettava, ovvero un dispositivo dotato di una versione di Windows ufficiale che potesse finalmente dare un senso alla parola continuum abusata da anni, bensì uno smartphone dotato di due display e mosso dal sistema operativo Android ma, per porre un tratto distintivo eloquente, pesantemente customizzato.

Le ultime indiscrezioni poi vedevano svelati ulteriori dettagli riguardo la fotocamera (che nella versione demo non c’erano ma l’azienda ovviamente ne ha confermato la presenza) e i tanti dettagli di oggi riguardano display, prestazioni, software e anche gli accessori disponibili.

Per quanto riguarda il display NON è uno smartphone con display pieghevole ma bensì uno smartphone dal design pieghevole. I pannelli sono ciascuno da 5,6 pollici (da aperti entrambi raggiungono gli 8,3 pollici) ed tutti e due supportano la risoluzione Full HD. Nessun sensore delle impronte digitali al di sotto del display ma Microsoft porterà la trasposizione del suo ottimo Windows Hello su uno smartphone Android, usandolo come unico metodo di riconoscimento biometrico.

Surface Duo potrà piegarsi a 360 gradi e quindi essere ricoperto in entrambi i lati da display, chiaramente in utilizzo normale uno sarà acceso e uno spento per evitare tocchi accidentali.

Lato prestazioni, il dispositivo demo mostrato durante la presentazione era dotato di uno Snapdragon 855 ma Microsoft si è mossa subito per affermare che, non essendo previsto sul mercato per quest’anno, arriverà aggiornato con lo Snapdragon 865. Altresì, il prodotto demo sul palco aveva disposizione il modem 4G+ ma anche qui, il modem 5G potrebbe arrivare con la versione definitiva.

E il software? Finalmente Microsoft lo ha capito, il problema non era Windows Phone/Mobile ma le App che nello Store non c’erano o, se c’erano, erano davvero la “brutta copia” in primis di quelle di iOS, e poi quelle di Android. Ci sarà Android, ovviamente almeno nella versione 10 visto che lo smartphone è previsto per la fine dell’anno prossimo e l’ampia customizzazione favorirà delle funzioni esclusive di Microsoft per il suo primo smartphone dal design pieghevole.

Funzioni come la possibilità di attivare una sorta di continuum sui display – come se non ci fossero interruzioni – e vedere le informazioni scorrere sul browser Edge, applicazioni Office e applicazioni di sistema direttamente sviluppate da Microsoft.

E poi anche spazio agli accessori. Chi durante la presentazione non ha considerato il Surface Duo – almeno nel design – un Surface Neo rimpiccolito? Ebbene, gli accessori spazieranno dalla Microsoft Pen alla tastiera magnetica che si potrà collegare allo smartphone così come lo si è visto fare durante il keynote sul Surface Neo.

A corredo di questo, Panos Panay (responsabile sviluppo prodotti Surface) ha vantato la possibilità di avere due pannelli e anche di poterli piegare a 360 gradi. Secondo lui si avrà l’impressione di avere un notebook 2 in 1 e quindi avere la possibilità di lavorare di più in viaggio.

Infine, Panay ha affermato che Microsoft non vuole assolutamente competere con Huawei o Samsung, alla disperata ricerca di realizzare uno smartphone realmente pieghevole con tutti i problemi che ne derivano, e che il design generale rimarrà questo visto che l’idea è nata tre anni fa.

Data di arrivo sul mercato, ultimo trimestre 2020, quindi esattamente un anno da ora. Lo smartphone avrà un seguito o come i prodotti Surface sarà di nicchia? Tanti e troppi ancora i dettagli da svelare, primo tra tutti il prezzo, ma mano mano riceveremo sempre nuove informazioni.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.