Windows 10 20H1: nuova major release, aggiornamenti più leggeri e rapidi

di Nikolas Pitzolu 0

Windows 10 20H1, nuova major release del sistema operativo di Microsoft, sarà pronto a dicembre, ovvero con tre mesi di anticipo. L’OS più usato al mondo si rinnova ancora!

Pochissimo tempo è passato dall’ultimo aggiornamento chiamato Windows 10 19H2. Microsoft ha subito in programma di rilasciare la nuova versione Windows 10 20H1 e sarà completata a dicembre, a brevissimo insomma, tra circa un mese e mezzo.

Fermo restando che Microsoft non ha improvvisamente spiegato le vele per realizzare in fretta e furia una nuova release, i motivi sono da ricercarsi in un allineamento aziendale che è stato doveroso per unire i percorsi di Azure e Windows. Il primo è strettamente legato allo sviluppo delle tecnologie derivate dal software aziendale, il secondo le abbraccia in maniera periferica ma serve per dare logica ad Azure nella sua interezza. Il team che si occupa di Azure da questo momento gestirà il calendario degli aggiornamenti di Windows.

I più attenti staranno pensando che questo aggiornamento sia in anticipo rispetto ai canonici marzo e settembre – mesi da sempre indicati nel “vecchio” calendario – ma sono stati solo spostati e ora coincideranno con giugno e settembre. Sempre previsti almeno 9 mesi per tutto l’iter di pubblicazione: dalla fase Alpha, passando per l’affidamento ai test degli Insider, arrivando fino alla finale RTM (Release to Manufacturing).

Windows 10X

La versione di Windows 10 20H1 precede la 20H2 che arriverà in concomitanza della prima versione di Windows 10X che sarà l’edizione del sistema operativo dedicata ai prodotti di nuova concezione come pieghevoli e con due display. Le versioni Windows 10 e Windows 10X saranno – per il momento – due versioni a loro stanti. Proprio come gli ultimi dispositivi presentati all’ultimo keynote Microsoft:

Surface Pro X: portatile 2 in 1 basato su SoC custom Microsoft!

Insomma, Windows 10 sta attuando delle modifiche che, a partire dalle prossime release, potrebbero essere influenzate anche Windows 10X che ricordiamo sarà sviluppato solo per dispositivi dotati di SoC ARM.

Infine, Windows 10 20H1 avrà all’interno le correzioni dei bug che hanno interessato l’ultima versione, fermo restando che questi hanno colpito una percentuale microscopica se rapportata all’immensa base installata che Windows 10 possiede worldwide.

Niente Windows 11, avanti con gli aggiornamenti di Windows 10!

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.