Windows 10X non è pronto: Intel, Lenovo, Asus si spazientiscono

di Nikolas Pitzolu 0

Le più importanti aziende di tecnologia hanno bisogno di Windows 10X ma, purtroppo, microsoft comunica che non è ancora pronto.

A più riprese la società Americana Intel ha fatto intendere che il 2020 sarebbe stato l’anno della diffusione dei portatili con il pannello flessibile e dei notebook foldable, due nuove categorie di prodotti costruiti attorno ad un unico display che può piegarsi proprio come quello già presente su Mate X, Galaxy Fold, etc.

In verità Intel ha voluto aumentare la posta in gioco. Al precedente CES di Las Vegas infatti ha portato un prototipo di notebook non flessibile ma dotato di due display touch, chiamato Tiger Rapids.

Il modello era tranquillamente realizzabile con più semplicità, invece il progetto Tiger Rapids 2 include un pannello flessibile che però, allo stato dei lavori attuali, è di complicata realizzazione in volumi.

E infatti, al CES di Las Vegas che con i suoi stand aprirà i battenti i primi giorni di gennaio, sarà un ottimo palco per far vedere cosa la nuova tecnologia è in grado di fare… E invece no, non ci sarà!

Ci sono notizie circa dei ritardi che si sono sommati nel tempo e questi riguardano i fornitori di pannelli e chi produce il software per far funzionare i nuovi dispositivi, ovvero Microsoft.

I colleghi di Digitimes infatti hanno sentito Intel che ha deciso di rimandare la presentazione di un nuovo notebook flessibile con display da 17 pollici e, anche se non si sono pronunciati, Asus, Lenovo e altri produttori minori hanno gli stessi problemi, per cui l’occasione per vedere nuovi prodotti è stata anche per quest’ultimi rimandata.

Windows 10X non è ancora pronto. Non sappiamo se Microsoft avesse già dei piani con i suoi partner per fornirgli in anteprima il sistema operativo ma l’azienda non lo ha ancora completato, non avendo raggiunto una maturità sufficientemente buona da poter considerare i nuovi dispositivi dei prodotti finiti.

Dopotutto, durante la presentazione ad ottobre, Microsoft è stata chiara riferendo che il suo Surface Neo sarà pronto per il quarto trimestre 2020 e con lui Windows 10X, quindi abbiamo una decisa incongruenza tra quello che affermano gli OEM partner (lamentandosene) e quello che ha detto Microsoft quasi due mesi e mezzo fa.

E poi parlavamo dei fornitori. Gli stessi OEM affermano che chi deve produrre i pannelli non ha ancora scorte sufficienti per poter garantire una commercializzazione di massa o comunque di grandi numeri. Probabile che ancora i fornitori abbiano più interesse a produrre componenti per l’attuale generazione di dispositivi portatili, relegando una piccola percentuale della loro forza lavoro alla nuova tecnologia.

Insomma, Intel e partner dovranno pensare di traslare il tutto durante il corso dell’anno. Se il primo prototipo di Intel poteva eseguire Windows 10 standard, un notebook foldable ha bisogno senza se e senza ma di un Windows 10X. Adattare un sistema operativo è terribilmente costoso in termini di risorse e, quando arriverà in forma ufficiale quello di Microsoft, il lavoro svolto verrà accantonato.

Siamo solo agli inizi ma siamo sicuri che il 2020 ci riserverà tante sorprese!

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.